World of Warcraft GDR: Creare dei Congegni Tecnologici

wowGDRIl Mondo di Warcraft è indubbiamente plasmato dalla Magia, ma è la Tecnologia che lo rende definito e completo. Maghi e sciamani combattono con potenti incantesimi, mentre la fanteria è facilmente equipaggiata con pistole o fucili e gli inventori scatenano le loro bizzarre costruzioni e le loro armature a vapore. Una persona che volesse viaggiare può decidere tanto di prendere una barca a vela quanto di salire su uno zeppelin goblin. Certo, lo zeppelin potrebbe esplodere… Ma le barche sono così lente, no?

Ovviamente, essendo un gioco di ruolo, la creazione di questi congegni è parte integrante delle sessioni per i personaggi Inventori, ma resta comunque anche aperta agli appassionati di tecnologia con un po’ di pratica meccanica (e con il flogisto ;-)) oppure a personaggi con molti soldi alla ricerca di qualcosa di potente e meccanico.

 

Vediamo quindi il procedimento da seguire per creare un qualsiasi oggetto tecnologico in questo particolare gioco di ruolo.

 

Il processo di progettazione, preparazione e costruzione dei congegni è schematizzato in otto punti, dalla prima bozza o idea scarabocchiata su un tovagliolo alla versione costruita, completa e (si spera) funzionante.

 

1)      Determinare la funzione primaria

Il primo passo è ovviamente decidere che cosa farà il nostro congegno. E’ vero che gli strumenti possono spesso essere usati in molti modi diversi, ed è altrettanto vero che i giocatori di ruolo sono dei veri esperti nel tentare di fare le azioni più disparate partendo da una forchetta e una ciotola, se sufficientemente disperati, però in questo punto è importante decidere la funzione primaria del nostro congegno. Lo stiamo costruendo per fare che cosa? Ecco, quella è la funzione primaria.

ESEMPIO: il nostro personaggio (inventore) decide di costruire un’armatura semovente a vapore, il cui scopo primario, ovviamente, è fornire protezione in battaglia a chi la usa! Consultando la tabella relativa, a questa funzione viene applicata una “difficoltà di funzione” di 20, che servirà in seguito per proseguire la costruzione (determinando tempo e spesa necessaria per la costruzione)

 

2)      Determinare il punteggio tecnologico

Adesso è il momento di pensare in termini pratici a quello che vogliamo far fare al nostro congegno. Opportune tabelle ci consentono di calcolare il punteggio tecnologico del nostro prodotto. Ovviamente più il valore è alto e più il congegno è avanzato e potente. D’altro canto, oggetti potenti si costruiscono più lentamente, sono più costosi e difficili da usare, e soprattutto possono essere costruiti solo da ingegneri più esperti. Il PT complessivo è pari al più alto tra i PT delle singole capacità.

ESEMPIO: cosa farà la nostra armatura semovente a vapore? Ovviamente si muoverà (da sola, non certo trainata da cavalli), fornirà un bel bonus alla classe armatura (+6), sarà in grado di trasportare il nostro inventore e anche un po’ di carico extra (qualche centinaio di chili… non si sa mai) e ovviamente avrà un certo grado di manovrabilità (media). Tutto questo si traduce in un punteggio tecnologico COMPLESSIVO di 6. Il nostro inventore dovrà quindi essere almeno di quinto livello per costruire questo congegno.

 

3)      Determinare il punteggio di complessità

Il punteggio complessità, calcolato sulle funzionalità che abbiamo deciso nel punto precedente, è un numero che serve esclusivamente a determinare costo delle materie prime e tempo di costruzione. Nota bene: dato che i fattori del punto due sono contati singolarmente, oggetti con lo stesso PT possono avere tempi e costi di produzione molto diversi tra loro.

ESEMPIO: i fattori decisi nel punto due (tutti, uno per uno) e metà della difficoltà di funzione del punto uno determinano il punteggio di complessità, nel nostro caso 31.

 

4)      Stabilire il fattore temporale

La funzione primaria di un congegno richiede tempo per essere eseguita. Questo tempo può essere o quello che corrisponde tra l’inizio dell’azione e il suo completamento, oppure quello necessario a “mettere in moto” un congegno ad azione continua od istantanea. Macchinari più veloci sono più costosi e difficili di quelli più lenti, ma essendo più rapidi sono ovviamente più funzionali.

ESEMPIO: Il master associa una scala temporale di “minuti” all’armatura. Questo rappresenta che un congegno così grosso deve avere alcuni minuti di tempo per “entrare a regime” dopo l’accensione della caldaia, altrimenti la pressione non sarà sufficiente. Il fattore temporale viene deciso pari a 3, corrispondente a 3 minuti sulla scala scelta dal master. Una volta “a regime”, finché non viene spento, il congegno risponderà senza ritardo temporale alle azioni del guidatore.

 

5)      Determinare il valore di malfunzionamento

Se il mondo fosse ideale, a tutti piacerebbe avere soldi, risorse e soprattutto tempo necessario a costruire congegni perfetti che non incappino mai in malfunzionamenti pericolosi (soprattutto esplosivi). Ma spesso, complice la mancanza di fondi o il bisogno tempestivo dell’oggetto, si decide di tirare via sulla qualità, riuscendo a spendere molto meno e a risparmiare tempo, ma ahimè, correndo dei rischi…

ESEMPIO: siamo seri, ragazzi: un’armatura da combattimento serve a salvare la vita. Se esplode, a cosa è servita? Per ottenerla totalmente affidabile, tuttavia, la spesa sarebbe veramente eccessiva, quindi tariamo il valore di malfunzionamento al minimo, ovvero 1. Nel caso di un 1 naturale nel test di controllo dell’armatura, qualcosa potrebbe andare storto…

 

6)      Calcolare il valore di mercato

Il valore di mercato è la conversione in monete d’oro di tutti i punti precedenti. La difficoltà di funzione, il punteggio tecnologico e il punteggio di complessità lo fanno alzare, mentre un alto fattore temporale e un alto valore di malfunzionamento lo abbassano.

ESEMPIO: tenendo conto dei nostri parametri, il costo complessivo finale è pari a 930 monete d’oro. Abbastanza contenuto, tutto sommato!

 

7)      Definire i “dettagli”

Con i dettagli si intendono tutte le caratteristiche pratiche non ancora espresse, come la dimensione, il peso, il colore, carrozzeria extra, decalcomanie di teste di goblin… e ovviamente la descrizione dell’oggetto. 😉

ESEMPIO: l’armatura da battaglia, oltre che al pilota, trasporta anche del carico, quindi sarà sicuramente di taglia grande (e lo sapevamo XD) con una bella cavità toracica da trasporto oggetti. Il peso, a netto di pilota e carico, è intorno ai 400 kg, quindi sarà meglio evitare i ponti di corda. Per pilotare l’armatura servirà un test su usare oggetti tecnologici con CD 16 (10 + PT), e sarà anche necessario un talento di competenza per non avere un -4 di circostanza. Ultimo ma non per ultimo, il nostro inventore vuole lasciare lo spazio pronto per aggiungere una sega circolare goblin. Ora non metteremo, ma per il futuro non si sa mai…

 

8)      Costruzione

Adesso è giunto il momento di costruire! Via di ingegneria (alias Artigianato-oggetti tecnologici), e diamoci dentro!

ESEMPIO: le regole per la creazione oggetti sono le stesse relative all’abilità Artigianato, quindi un test a settimana finché non si accumulano i successi necessari a completare l’armatura. Considerando il valore dell’abilità di un inventore di quinto livello, è ragionevole stimare il tempo necessario tra le 12 e le 18 settimane (ipotizzando che lavori da solo).

 

E poi… si balla!

 

 

Armatura a vaporeArmatura da battaglia

Abilità: usare oggetti tecnologici (CD 16), talento di competenza in armature da battaglia

Bonus classe armatura: +6

Capacità di carico totale: 600 kg

Velocità massima: 90 Km/h

Incremento di velocità: 22,5 km/h

Manovrabilità: 3 (media)

Tempo di avvio: 3 minuti

Valore di malfunzionamento: 1

Punti ferita/durezza: 40 / 5

Taglia/Spazio: Grande / 3 m

Peso: 400 kg

Valore di mercato: 930 monete d’oro

Punteggio Tecnologico: 6

Difficoltà di funzione: 20

Consumo: 1 fiala di flogisto liquido al giorno

 

 

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...