Il Mercoledì di Geppo – 21

 

GE-GE-GE,
GE-GE-GE-GEP-PO!

 

Saponettine care mie adorate, sappiate che sono tutto un BOLLORE! Mi hanno scritto a proposito della PULIZIA, che lodevole e profumata notizia!! geppoSono così eccitato che non riesco nemmeno a scrivere un preambolo decente, quindi andiamo direttamente alla succosissima e-mail che ho ricevuto ieri sera.

 

Carissimo Geppo,
sono un tuo affezionato lettore.
Per motivazioni varie ho dovuto abbandonare la mia residenza a Cortona ed ho dovuto intraprendere un lungo viaggio in una nuova terra i cui abitanti parlano in un linguaggio molto strano, la cui musicalità ricorda la parlata di alcuni elfi maschi che amano portare vestiti da donna, e dove è diffusa la consuetudine di cibarsi di rane e lumache.
Ti scrivo in quanto, avendo temporaneamente lasciato i miei soci ed il mio personale servizio di lavanderia, mi sono ritrovato a dover lavare i miei vestiti da me con saponetta e tinozza d’acqua. Con tutta sincerità, ciò mi ha provocato non poche difficoltà a causa delle numerose e contradditorie istruzioni sul lavaggio dei capi lasciatemi dalla mia lavandaia di fiducia, Monica di Cortona.
Pertanto non ho potuto che pensare a te, ed è a te che mi rivolgo a te in quanto necessiterei di alcuni validi e preziosi consigli per il lavaggio dei capi. Per favore Geppo, rivelami qualcuno dei tuoi segreti!
Un saluto a te ed a tutti i miei amici rimasti a Cortona,
Buone francesi

Il tuo affezionatissimo,
Laren Dorr

 

 

CONCENTRIAMOCI sul lavaggio. Si si si si si, qualcuno un giorno parlerà della tua partenza, ma ADESSO parliamo di LAVAGGIO, SAPONE E PROFUMI.

Iniziamo. geppo

 

In primis, SAPONE.

Sapone, sapone, sapone, sapone, sapone, sapone, sapone, sapone, sapone, sapone, sapone, sapone, sapone, sapone, sapone, sapone, sapone, sapone, sapone, sapone, sapone, sapone, sapone, sapone, sapone, sapone, sapone, sapone, sapone, sapone, sapone, sapone, sapone, sapone, sapone, SAPONE!

Sfatiamo un concetto errato ma sporchevolmente diffuso: non esiste il sapone “sbagliato”Esiste solo del sapone meno adatto di altri ad una specifica situazione. E partendo da questo, per la stragrande maggioranza delle situazioni consiglio SAPONETTE e OLIO DI GOMITO (mi hanno detto che se avessi scritto “lavori di mano” sarei stato frainteso. E io che pensavo di essere già abbastanza esplicito! Mah…).

Discutiamo un attimo delle saponette. Esse sono la perfezione suprema, per quanto riguarda il lavaggio, e capiremo come mai proseguendo nella rubrica di oggi. Chiaramente, per alcuni specifici capi (soprattutto i delicati!) possono esistere miscele particolari preparate apposta con amore e lillà per avere risultati STUPEFACENTI. Chiaro e assolutamente vero. DIFFIDA però di chi ti dice che esiste UN SOLO GRUPPO DI DELICATI, e di rimando UN SOLO SAPONE PER DELICATI. Sporcherie! I capi delicati sono VIVI E SENSIBILI, e ognuno va lavato a suo modo!! Contattami di nuovo con un elenco dei tuoi capi (e dimmi anche come te li sei sporcati e in che modo vorresti che io li lavassi… *sbav*)geppo e affronteremo la questione in maniera più approfondita… Molto più approfondita.

LO STESSO DISCORSO VALE ANCHE CON I NON-DELICATI, anche se chiaramente un sapone e un lavaggio non totalmente dedicato non li danneggeranno, “semplicemente” *argh, il cuore…* otterrai un lavaggio non perfetto. Se usi il sapone al rabarbaro per un mantello da viaggio non lo rovinerai, ma se avessi usato la SAPONETTA AGLI OLI ESSENZIALI DI PESCO sarebbe stato decisamente meglio! CAVOLO!

Tra tutti i saponi, la massima qualità si ottiene dalle saponette, AROMATIZZATE! Va bene anche il sapone tagliato da poco ancora squadrato, ma ricorda che così pulisce meno e trasmette almeno il 30% di AMORE in meno! 😦 E l’amore è fondamentale!

 

In secundis, LA TINOZZA.

Caro caro caaaaaaaro Laren, la tinozza (nonostante tu la abbia citata) rappresenta una parte MINIMA del lavoro. Chiaro, una parte minima ma necessaria, e che deve essere curata (e PULITA!) a sua volta se non si vuole rovinare il risultato finale, ma il grosso del lavoro, dopo il sapone, lo fanno LE MANI E L’AMORE. AMA i tuoi panni, e loro ameranno te, aiutandoti nella pulizia. Trattali bene, e non solo quando li lavi! La pulizia inizia ben prima dell’atto del lavaggio vero e proprio. Inizia persino prima che il capo si sporchi! Innegabilmente, comunque, il momento del lavaggio sarà il momento della verità, dove si scoprirà se effettivamente tu e il tuo capo siete affiatati o se eravate semplicemente insieme per una malaugurata serie di coincidenze. E li solo le saponette potranno aiutarti, in quel caso, ma nemmeno loro con garanzie di successo.

Comunque, confidando che tu abbia trattato bene i tuoi capi, il lavaggio resta comunque un procedimento delicato. Hai già tutta l’attrezzatura che ti serve, e adesso devi banalmente usare le mani.

Altro parametro fondamentale è l’acqua. Devi assolutamente procurarti una di quelle aste graduate piene di mercurio, quelle che servono per definire la temperatura degli oggetti. Il discorso è pari pari pari ai profumati precedenti. NON ESISTE UN UNICO LAVAGGIO IN ACQUA FREDDA, perché l’acqua può essere fredda in un sacco di temperature diverse!! E dato che il lavaggio stesso potrebbe alterare la temperatura della tinozza (che tu ovviamente dovrai tenere più vicino possibile a quella ideale!) tieni sempre vicino a te acqua pulita più calda o più fredda nel caso, rispettivamente, dovessi scaldare o raffreddare quella del tuo specifico lavaggio. MI RACCOMANDO! Ogni capo ha la sua temperatura, e qui si che potresti fare casino (anche se non è facilissimo è possibile) anche sui capi più robusti!

 

E ora…

La parte più importante di tutte…

geppoPerché non vorrai entrare SPORCO LERCIO in un vestito pulito, anzi APPENA stato PULITO, vero Laren?

 

E quindi, passiamo a…

LA DOCCIA

 

geppo

 

 

################################################################################################################################

 

La parte conclusiva della rubrica di Geppo di questa settimana è stata CENSURATA con votazione unanime. La descrizione dei 1001 modi in cui usare una saponetta in una doccia era decisamente troppo. Nonostante Geppo si ostini ad affermare che quello sarà il titolo del suo libro di più grande successo, i giochi erotici da bagno non sono un argomento adatto a queste pagine.

-La Redazione di GdrTales

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...