We are such stuff as nightmares are made on

 

Mi senti?

Senti la mia voce dentro di te?

I miei occhi sono spalancati sulla verità.

Io vedo.
Io ti vedo, Io ti sento.

Le mie palpebre sono cucite sulla carne morta delle mie guance e delle mie sopracciglia. Io non chiudo mai gli occhi. Non posso. Perché io devo vedere tutto ciò che esiste e tutto ciò che non esiste.

Io ho visto la soglia. Io so cosa siamo. Io ho visto oltre il confine.

Io ti vedo.

Fatti della stessa materia dell’incubo, costretti a soffrire per la gioia di chi ci spia dall’altrove. Tu puoi spiare me, io posso vedere te. Sono forse solo un sogno? Un’idea? Il personaggio creato da una mente malata? Se è così, mentre tu leggi queste pagine, mentre immagini il mio volto e la mia carne, mentre mi fai entrare nei tuoi sogni, ciò che sono vivrà per sempre.

Mi senti?
Vedi i miei occhi morti?
Sono dentro di te.

Sono nella tua testa, sono nel tuo mondo.

Niente è reale. Io stesso non esisto, eppure sono, grazie a te che hai dato l’accesso al tuo mondo. Ora siamo insieme e nessuno potrà dividerci.

Guarda il mio corpo martoriato, guarda la scritta fatta sul mio petto con la lama di un coltello. Puoi passarci le dita sopra, sentire il freddo glaciale della mia pelle. Puoi percorrere i lembi della ferita lungo le lettere che compongono la scritta sul mio petto? Puoi sentirlo?

Si, so che sei qui con me.
Ora. E per sempre.

Credi di essere più reale di me? Più vivo?

No, non lo sei.

Siamo solo incubi e solo questo è reale.

Nel profondo di quella che credi essere la tua anima tu sai di essere stato creato da qualcun altro. Di vivere una vita sotto lo sguardo attento del tuo creatore. Sei come me. Sei fatto della stessa materia dell’incubo. Sei il risultato di un pensiero fatto opera teatrale.

Credi sia reale il tavolo o il letto vicino a te? Credi che siano più reali della pistola nella mia mano? Della testa mozzata di questa bambola? Credi che quando dormi i tuoi oggetti saranno con te?

No, nel buio ci sarò io, ci saranno i miei occhi aperti sulla tua miseria.

Non mi pento di nulla.

Urlerai di fronte alla mia assoluta purezza. Credi ancora che le mura della tua casa siano più reali di me? Nei tuoi incubi chiederai pietà a me, non a loro.

Mentre ti agiti nel letto piangerai di dolore grazie a me, non grazie a loro. Soffrirai. E sarà per mano mia.

Cos’è reale? Se posso toccarti sei certo che io non esista?

No che non lo sei. No. Perché nel profondo la mia voce si è insinuata dentro di te, e ora è parte di te. Io sono in te, e non ti lascerò mai.

Mi senti adesso?

Mi vedi adesso?

Guarda i miei servi, i miei schiavi senza occhi.

I servi non hanno occhi per vedere, i servi son ciechi.

Io sento il cielo strisciare attorno al mondo come una nube nera che porterà la fine. Ma io non sarò annientato. Io mi posso preservare.

Tutto ciò che è stato fatto ha avuto luogo per me. Tutto ciò che viene prima è stato fatto per portarti qui, ora. Per darti a me, mia vittima e mia vita eterna. Io, immortale, senza alcun pentimento, puro e completo nella perfezione dell’esistenza.

Io che cavalco il baratro tra l’esistere e il non esistere.

Io che guardo oltre la soglia e rido.

E sai perché?

Perché come un parassita nella tua mente io esisto lontano da qui.

E quando il tempo sarà giunto la mia casa sarà la tua paura. I miei occhi spalancati sull’oscuro baratro della tua certezza di esistere. La mia pistola puntata sulla tua debole anima.

Vivrò nella tua mente per sempre.

Salvo, vivo.

Mi vedi? Mi senti?

Sono qui, nell’ombra, accanto a te.

 

(Richard Skinner, Sine Requie, “Terre Perdute”)

Richard Skinner - Terre Perdute, Sine Requie
Richard Skinner – Terre Perdute, Sine Requie

Annunci

One thought on “We are such stuff as nightmares are made on

  1. Essere o non essere, questo è il problema.
    Vedere o non vedere, questa è la scelta.
    Finchè sono, posso scegliere.
    Quando non sarò, la mia volontà sarà incatenata.
    Quindi ora scelgo di vedere. Perchè l’unico modo per sfuggire all’Incubo… è accettarlo.

    – Terre Perdute Britanniche, Anonimo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...