Un consumato Diario di Viaggio – Prefazione

Sono Grendell Stark, un tempo Chierico Ordinato della Fede, ora non più tale a causa delle scelte e delle azioni da me compiute. Scrivo questo mio Diario di Viaggio per annotare le vicende dei giorni a venire, in modo che possano essere in seguito rielaborate avendo come base uno scritto.
Dopotutto, “VERBA VOLANT, SCRIPTA MANENT”.
Inoltre, nel caso in cui la mia vita sia destinata a concludersi prematuramente, scrivo nella speranza che quanto riporterò su questo Diario possa essere utile a chiunque ne entri in possesso.

Innanzitutto, lettore, perdonami.
Il nostro gruppo è formato da cinque persone, tuttavia per la sicurezza delle stesse mi vedo costretto ad omettere i loro nomi.

Se conosci il motivo del mio silenzio, allora non hai bisogno di una spiegazione.
Nel caso in cui ti sia sconosciuto, un avvertimento:

 non rivelare il tuo vero nome a nessuno

Se loro ne vengono a conoscenza, non ci sarà luogo sicuro in cui nascondersi se decideranno di cercarti.
Ci sono già state delle vittime. L’unica persona che si è salvata mi ha parlato di come le entità che hanno dato loro la caccia abbiano ucciso tutti i presenti, tranne lui.
Perché non riusciva a vederlo. Perché non si era mai presentato con il suo
vero nome.

Perché ho rivelato il mio?
Perché sono già compromesso.

Chi sono loro?
Non ne sono del tutto sicuro, ma comunque per le informazioni finora in mio possesso, la risposta sembra purtroppo essere “la Gilda Unificata della Magia”.
Se la mia ipotesi è corretta, questa organizzazione, già in possesso di notevoli capacità in campo magico, è riuscita ad ottenere paragonabili capacità in campo divino. Oltre alle considerazioni su quanto troppo potere concentrato in un’unica istituzione sia pericoloso, considerando la morte violenta delle vittime è ragionevole pensare che le capacità divine in questione non siano state concesse da parte delle nostre beneamate Virtù.
Perché nonostante facessero parte della oramai ex-Gilda dei Ladri, la punizione è la giusta via, in quanto permette il pentimento. La morte non lo è mai.
La morte non purifica. La morte silenzia.

E’ questo il motivo che mi spinge ad illustrare la mia personale teoria sul significato del termine “vero nome”, nella speranza che tu, lettore, possa trarne beneficio e, partendo da queste considerazioni, approfondire il mio pensiero.

Vero Nome.
E’ naturale associare “vero nome” al proprio nome di battesimo.
Tuttavia, personalmente ritengo che il vero nome di un individuo non debba necessariamente essere il nome deciso dai suoi genitori. Nonostante nel caso della mia persona sia effettivamente così, mi sono immediatamente trovato di fronte ad un innegabile paradosso: nel nostro mondo vi sono, inevitabilmente, persone che non hanno avuto la fortuna di nascere in una famiglia in grado di mantenerli.
E’ ragionevole pensare, considerando il migliore dei casi, che questi figli indesiderati vengano affidati o abbandonati in tenera età davanti alla porta di un orfanotrofio o della casa di un’altra famiglia, crescendo lontano dalle loro madri naturali.
E’ ragionevole pensare che non tutte le madri decidano di dare un nome al figlio che saranno costrette ad abbandonare.
Inoltre, non tutte riveleranno il suddetto nome alla struttura o alla famiglia adottiva.
E ancora, né l’orfanotrofio né i genitori adottivi sono in alcun modo tenuti a rispettare le volontà della madre naturale, volontà che viene anzi spesso opposta nei casi di abbandono.
E voglio ricordare che sto considerando uno dei casi a mio parere migliore.
Non tutti i bambini indesiderati, se sopravvivono alla loro stessa infanzia, hanno la “fortuna nella sfortuna” di vivere in una struttura adeguata o nella casa di un’altra famiglia.
Considerando questo, è quantomeno altamente probabile che esistano al mondo persone che non abbiano ricevuto un nome dalla propria madre naturale, o che anche nel caso ne avessero effettivamente ricevuto uno, non siano in grado di venirne a conoscenza nel corso della propria vita, pur cercando attivamente di ritrovare i propri genitori naturali.

Ora, personalmente mi rifiuto di credere che il vero nome di un individuo si possa perdere in modo così indipendente dallo stesso, o che sia impossibile da conoscere a causa di motivi esterni. C’è  chi sosterrebbe la possibilità che il nome di battesimo sia comunque il vero nome di una persona, anche se la stessa non ne è a conoscenza.
Personalmente, non sono d’accordo.

Non sono più un Chierico Ordinato della Fede.
Tuttavia credo ancora che ogni evento, situazione, minuscolo particolare di ogni cosa sia in realtà seguito di un Piano Divino.
Capisco che questo possa sembrare al lettore una contraddizione di quanto ho finora sostenuto: dopotutto, se esiste un grande Piano Divino, ha senso ammettere la possibilità che il vero nome di ognuno sia tale anche se la persona stessa non ne è a conoscenza.

Sono tuttavia convinto che la Fede non sia né così semplice, né così cieca.

Come è assolutamente vero che il nostro percorso è già tracciato, il nostro Scopo Ultimo già deciso, è altrettanto innegabile che una persona, in quanto tale, abbia sempre e comunque una scelta.
Perché la vita di un uomo si può chiamare vita solo se a questi è concesso il diritto di scegliere come viverla.
Se non possedessimo questo fondamentale diritto, non saremmo veramente vivi, ma solo una bieca imitazione di vita, costretti ad agire secondo una volontà esterna che ha destinato a noi una parte e un ruolo precisi, ai quali non potremmo in alcun modo opporci.
Non saremmo persone, solo semplici burattini.

Per questo ritengo infallibilmente nulla la possibilità che una persona non sia a conoscenza del proprio vero nome: non sarebbe padrone della propria stessa vita.

Ritengo invece che il vero nome sia il nome in cui la persona si riconosce, si identifica.
Il tuo vero nome, lettore,  potrebbe essere il soprannome con cui sei sempre stato chiamato.
Il tuo vero nome potrebbe essere il nome che ti sei dato tu stesso.
Non credere che nascondersi dietro un nome fittizio sia un metodo sicuro. Se questo nuovo nome diventasse così forte e radicato in te da divenire importante quanto il tuo nome di battesimo, sapresti per certo quale dei due è realmente fittizio?

Posso capire il probabile sconcerto che questo mio pensiero è in grado di provocare, tuttavia adesso anche tu sei al corrente di questo grande pericolo. A mio parere, anche non conoscendo cosa ci colpirà, sapere verso quale direzione alzare il proprio scudo può rivelarsi discretamente utile.

Infine, un monito.
Lettore, non sono più insignito del titolo di Chierico Ordinato, e quindi hai tutto il diritto di dubitare delle mie parole. Sarò quindi completamente sincero con te, come è giusto che sia. Sono stato scomunicato da Lui in persona, e d’ora in avanti,  in nessuna occasione potrò pronunciare il Suo nome, né per agire, né per pregare.
Non rappresento più la Fede.

Eppure, ironicamente, quello che sto chiedendo da parte tua nei miei confronti, lettore, è proprio un atto di fede.

E’ possibile che ti senta preso in giro, eppure ti assicuro che non è questo il caso, in quanto se scrivo questo mio Diario non è per mero guadagno personale, ma per il tuo beneficio.
Se non credi alle mie parole, non posso biasimarti.
Fai pure ciò che più ritieni giusto di questo Diario.

In ogni caso, che tu mi creda o no, vorrei che tenessi a mente una cosa.
Non credere mai ciecamente, senza dubitare, perché altrimenti neghi a te stesso un tuo giusto diritto, il diritto di scegliere.

Informati, pensa, analizza, dubita, e quindi scegli a chi e a cosa credere.

Dedico questo Diario alla potenza della vita, ed esorto il lettore a viverla nella sua intera pienezza.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...