Sine Requie – Terre Perdute: “Celo-celo-manca”, cosa può fare la differenza tra vita e Morte

 

Scrivere un Celo-celo-manca unico per tutte le ambientazioni di Sine Requie è poco sensato. I diversi luoghi in cui saranno ambientate le vostre partite cambieranno profondamente l’approccio, i personaggi e proprio il “tipo” di partita che si andrà a creare con i propri compagni.

Affrontando un’ambientazione alla volta, vediamo di osservare quello che può aiutare i personaggi a proseguire le loro avventure nelle Terre Perdute.

Nota: nelle terre perdute non esiste denaro come contante o cartamoneta. Il baratto è (nei rasissimi casi in cui si trovi qualcuno con cui farlo) spesso l’unica scelta per effettuare scambi. L’equipaggiamento iniziale dipende dalla professione del personaggio.

 

Curiosamente, nelle Terre Perdute si tende a classificare praticamente ogni cosa in una di queste quattro categorie: Cibo e Acqua, Armi, Rifugio, “altro”.

 

Cibo e Acqua

Si spiegano da sole. I Morti mangiano i vivi, ma se restano per dei mesi senza potranno solo che puzzare un po’ di più (o magari neanche quello, dipende dal Morto). Un uomo no. Se siete allenati, restate a riposo e avete abbondante acqua potabile, potete restare anche più di un mese senza cibo. Ma senza acqua potete resistere pochissimi giorni. Chiaramente, nel caso cibo o acqua fossero contaminati vi ammalereste, rendendo il lavoro più facile ai Morti e più difficile (emotivamente parlando) ai vostri alleati. Brutta cosa ammalarsi nelle Terre Perdute. Molto molto brutta.

 

Armi

Le armi servono prima di tutto per difendervi dai Morti, e subito dopo per difendervi dai vivi. Contro i Morti servono armi adatti a renderli inoffensivi e a farli completamente a pezzi, bruciarli o (se siete così fortunati da poterlo fare) scioglierli nell’acido. Contro i vivi va bene tutto, è molto più facile ammazzare un vivo piuttosto che rendere inoffensivo un Morto, ma ricordate che dopo averlo ammazzato si risveglierà affamato della vostra carne. E se siete sfortunati lo farà anche in fretta. E se potete ammazzare un uomo a bastonate, non pensate nemmeno per idea di fare lo stesso con un Morto.

 

Rifugio

Le armi e il cibo vanno benissimo, ma nelle terre perdute ci sono molti più Morti che vivi, e sicuramente moltissimi Morti più che vivi amichevoli. Quindi, anche se siete armati fino ai denti e con tanto cibo da scoppiare, prima o poi vi prenderanno. Un “rifugio” è un posto sicuro, sia che sia per passare la notte, che qualche giorno, settimana o addirittura anni. State solo attenti a non mettervi in trappola da soli…

 

“Altro”

Quest’ultima categoria si divide in due cose, ovvero altro utile e altro inutile. Altro-utile sono oggetti di valore per la rarità (sigarette, orologi funzionanti, accendini), per la loro utilità (mezzi di trasporto, benzina, bottiglie di vetro e/o contenitori, medicinali) o entrambe le cose (un aereoplano biposto funzionante e con il serbatoio quasi pieno). Gli altri-inutile, quasi sempre scartati, sono quasi tutti gli oggetti del mondo prima del Risveglio che attualmente non hanno più una vera e propria utilità. Una copia in Greco dell’Odissea? Carta igienica (in un certo senso utile, ma non fondamentale). Orologio rotto? Carta igienica (vi sfido a trovare un orologiaio nelle terre perdute). Monete e carta moneta? Carta igienica e … si, avete indovinato, carta igienica (le vecchie monete non valgono più nulla). Questa seconda parte della categoria è piuttosto intuitiva, non trovate?

 

 

Un’ultima nota generale: è praticamente impossibile avere tutto quello che serve davvero per essere relativamente tranquilli nelle Terre Perdute. Anzi, è proprio impossibile essere davvero tranquilli. 

Inoltre, l’equipaggiamento di partenza è contemporaneamente molto importante ma anche secondario nella partita che farete. Importante perché quasi sicuramente sarà in funzione di quello che i vostri sopravvissuti si sposteranno. Secondario perché non saranno i vostri oggetti a vivere mentre cercate quello che vi manca, ma voi.

Cosa siete disposti a fare per procurarvi quello che si serve? La menzogna è praticamente scontata, il furto è routine… Ma l’inganno? E l’omicidio?

Ammazzerete per fame o per paura? E sarete freddi e spietati mutilatori mascherati d’impassibilità mentre farete a pezzi le persone appena uccise (magari per mangiarle…) o prima o poi la vostra psiche cederà?

 

Le Terre Perdute non si chiamano così solo perché sono una terra devastata, desolata e abbandonata. Sono chiamate così perché Perduti sono anche i Vivi che la abitano. E quanto a fondo scavare nella vostra perdizione lottando per la sopravvivenza lo potete decidere solo voi.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...