Il Richiamo di Cthulhu: verità nel magazzino

 

Alla fine le cose che sono in grado di muovere il mondo sono sempre le stesse: potere, sesso e denaro.

Che doppia ironia in tutto ciò: un uomo che riesca ad eccellere in uno di questi tre ambienti, si sentirà sempre debole sotto gli altri, e cercherà di ottenere sempre di più. Causando danni al suo successo principale.

Cercherà potere e donne tramite il denaro, cercherà donne e denaro tramite il potere…

Forse, forse… Forse l’unico caso diverso è quello delle donne.

Ma basta scrivere questa riga perché affiorino alla memoria uomini che tramite le loro donne abbiano cercato ricchezza e potere. Il fatto che questa sia la più empia delle possibilità non implica che sia meno perseguita delle altre.

Tra questi tre punti, consideriamo il denaro.

E prendiamo ad esempio i magazzini. Un magazzino è l’emblema del denaro, posseduto e sprecato. Un magazzino è un luogo dove la merce, idealmente, dovrebbe transitare senza fermarsi o nemmeno passarci, perché una merce stivata in magazzino non produce ricchezza, anzi costa. Costa per manutenzione dello stesso, per la sicurezza della merce, e non dimentichiamo anche l’inflazione… Non vi è mai capitato di lasciare qualcosa in un magazzino per anni?

Esso è comunque un luogo necessario. Nel mondo reale, non in quello ideale senza magazzini, tramite queste strutture tu riesci sia ad assorbire i picchi di richiesta della mia merce, sia stoccare e mettere da parte quella prodotta in eccesso (ovviamente ridimensionando la produzione) quando ti accorgi di aver prodotto troppo.

Ma le spese? Tutte quelle spese?

Ed ecco che ti arriva l’uomo che risolverebbe tutto.

Beh, tutto, insomma… Quasi.

Non può eliminare il magazzino, non può lavorare gratis, ma costa pochissimo rispetto agli altri. E il lavoro procede alla grande! Quindi lo assumi subito, anche se i suoi metodi sembrano un po’ strani.

Ricordiamo che risparmiare significa avere più denaro, quindi più donne e più potere. E tu vuoi più donne e più potere, vedo?

Un piccolo incidente si può sopportare, per quel fine.

Anche due o tre, ci mancherebbe altro.

Ma al decimo, qualcosa non va. Te ne accorgi. È tardi, ma te ne accorgi.

 

E fai il peggior errore della tua vita.

Vai a controllare cosa succede in quel magazzino.

 Richiamo di Cthulhu - il magazzino

Il peggior errore della tua vita non resterà tale a lungo. Non perché ne farai di peggiori, ma perché non uscirai vivo da quel magazzino.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...