Le Cronache di Populon: “Il Gladio Spezzato”, presentazione

Il Gladio Spezzato

10463019_695986293847163_6059305444416385075_n

Modulo introduttivo – avventura per “Le Cronache di Populon”

Spillato di 42 pagine formato A4, copertina di cartoncino morbido. Modulo autoprodotto contenente un’introduzione all’ambientazione e al gioco, cinque personaggi pregenerati e un’avventura.

Stampato nel giugno 2015, ideato e sviluppato da Mattia Sarti, Dario Landi e Giulio Niccoli.

Prezzo: 15 €

Link alla Pagina facebook

 

Troll (Cronache di Populon)Il Gladio Spezzato è un modulo introduttivo al Gioco di Ruolo “Le Cronache di Populon”, un gioco di ruolo che ha visto la luce proprio nel corrente mese Giugno 2015. Nonostante gli autori stessero girando da diverso tempo tra fiere e manifestazioni a promuovere e testare il loro gioco, Populon non era ancora definitivamente pubblicato. Dal giugno corrente mese la cosa è diventata ufficiale.

Noi di GdrTales abbiamo incontrato i ragazzi delle Cronache di Populon ad aprile, durante il Play Modena, abbiamo giocato con loro e ci siamo trovati decisamente bene. Quindi, adesso che con “Il Gladio Spezzato” ci viene consentito di avvicinarci ufficialmente a questo gioco, valeva assolutamente la pena parlarne un po’. 😉

 

Presentazione generale del modulo

Il modulo è fisicamente di ottima qualità, tanto di carta come di stampa. È uno spillato piuttosto solido, la carta è patinata e la copertina in cartoncino morbido. Il manuale è in scala di grigi e completamente illustrato da Mattia Sarti, e per chi conosce le sue opere già questa sarebbe una garanzia per l’acquisto.

Il Gladio Spezzato è un modulo introduttivo, e in quanto tale contiene tutto quello che serve per avvicinarsi al mondo de Le Cronache di Populon e iniziare a giocarlo. Regole base del gioco, cenni di ambientazione generale, dettagli di una parte specifica dell’ambientazione (quella dell’avventura), personaggi pregenerati più un buon numero di mostri e PNG, e chiaramente l’avventura omonima che da il titolo allo stesso manuale.

Nano (Cronache di Populon)Iniziando a parlare dell’Ambientazione, chiaramente la parte più dettagliata che viene presentata riguarda la parte necessaria allo svolgimento dell’avventura, ovvero la città di Iskendur e la sua Arena. Vengono forniti anche informazioni di carattere più generale a proposito del mondo e delle specie che lo abitano, ma molto sintetiche.

A proposito delle Regole di Gioco, in una mezza dozzina di pagine viene racchiuso il cuore del sistema di gioco delle Cronache di Populon. L’intero sistema si basa su un unico dado a sei facce. Taluni direbbero “Un unico D6 per determinare il proprio destino”. 😉 Il sistema è davvero molto semplice, cosa che rende test e confronti di rapidissima assimilazione per i giocatori e molto rapidi nei risultati. L’idea degli autori è proprio quella di un sistema rapido e immediato, in maniera tale che ogni azione per la quale sia necessario un test riesca con un singolo lancio di dado a fornire in maniera veloce e chiara il risultato. E non semplicemente una distinzione tra successo o fallimento, ma anche la portata di questi successi o insuccessi. Il numero 6 risulta anche avere un fortissimo collegamento simbolico con l’ambientazione, cosa che viene spesso ripresa durante il gioco grazie allo stesso sistema e ad un interessante metodo per i successi/fallimenti critici.

Goblack (orco carceriere - PNG

A proposito di Personaggi, PNG, mappe e materiale di gioco, questo modulo comprende cinque personaggi pregenerati (fotocopiabili) per buttarsi a capofitto nell’avventura, e una quindicina di PNG / mostri dotati di schede sintetiche ma abbastanza esaustive. Dove necessario (come per i PNG) le schede sono state integrate di background, contesto, equipaggiamento, o tutto quello che può essere necessario. Per i PNG più importanti sono anche presenti molti richiami a punti precedenti del modulo, dove vengono raccontati retroscena, motivazioni e obbiettivi. La sezione finale dello spillato comprende la mappa del mondo (un po’ piccola purtroppo) e tutte le varie mappe necessarie per lo svolgersi dell’avventura (in una dimensione decisamente più adeguata).

 

Il Gladio Spezzato, avventura introduttiva

L’avventura introduttiva è una one-shot per 3-5 giocatori, che lancia direttamente all’interno del mondo delle Cronache di Populon partendo da uno dei posti più luridi, sporchi e nauseabondi.

L’azione che coinvolgerà i personaggi ci viene presentata come estremamente d’atmosfera, con ambientazioni buie, anguste, quasi claustrofobiche. Malsani odori e infestazioni tra le più disparate accoglieranno fin da subito i personaggi, che si troveranno a combattere letteralmente all’interno dell’Arena di Iskendur. Questa città è il peggior ritrovo di una bella fetta del continente per quanto riguarda bande criminali e criminalità organizzata, dove vige la legge di volta in volta dettata dal più forte, senza alcuna presenza di un reale potere governativo.

I cinque personaggi forniti per l’avventura sono eterogenei e ben caratterizzati, così come tutti i PNG dell’avventura, ognuno dotato di un bellissimo disegno e una buona contestualizzazione nella città e nell’arena.

I mostri daranno indubbiamente filo da torcere ai giocatori, ma in fondo è solo che un bene. Non vogliamo mica che l’avventura fili subito giù liscia come la bava di lumaca, no? 😛

 

Opinioni “a caldo”

il gladio spezzato lLa mia prima opinione “a caldo” su “Il Gladio Spezzato” è molto buona.

Il modulo è solido e resistente, perfettamente leggibile e illustrato con una qualità a tratti persino superiore a quella di alcuni altri giochi estremamente più famosi e diffusi. Non dico che ogni disegno sia un’opera d’arte… Ma quasi. E ve ne sono alcuni di una qualità davvero incredibile.

Il contenuto di ambientazione è sintetico, ma considerato lo spazio a disposizione è comprensibile che si sia dovuto tagliare parecchio. Stessa cosa per il comparto di regole, molto semplice e forse poco variegato. Per esempio, si sente un po’ la mancanza della sezione “magia”, ma viene spiegato che tutto questo argomento sarà trattato in un futuro manuale. L’avventura è tutt’altro che scontata, e molto curata per essere una one-shot. A mio parere dovrebbe essere perfettamente in grado di presentare il gioco, e in maniera decisamente esaustiva.

Alcuni punti negativi chiaramente vi sono, ma la maggior parte di lieve entità. I due problemi più diffusi sono alcuni errori di stampa e alcuni (innocui) errori lessicali. Gli errori di stampa sono palesemente errori di stampa, perché in un paio di punti alcune lettere sono “ammassate” a metà di una parola. Gli errori lessicali sono complessivamente innocui, un paio di virgole saltate e qualche parola mancante. Nulla che alteri la comprensione del testo o che non possa essere velocemente sistemato in una futura seconda edizione o ristampa.

Un punto a parte di cui vale la pena parlare è il prezzo.

15 € è un prezzo abbastanza in linea con le produzioni modulari attuali, ma forse in senso assoluto con un rapporto quantità-qualità/prezzo non eccezionale. Sulla qualità questo prodotto non ha nulla da obiettare. Carta resistente e spessa, buona copertina, illustrazioni eccezionali e tutto il contenuto necessario ad un modulo introduttivo. Sulla quantità si potrebbe obiettare che si tratta di 42 pagine, quindi nemmeno le 64 di molti altri moduli introduttivi di diversi sistemi.

A mio personale parere più che di un difetto si tratta di una scelta. Probabilmente si sarebbe potuto ottenere un prezzo inferiore alterando alcuni dei precedenti parametri, ma gli autori hanno scelto di puntare sulla qualità invece che sulla quantità.

 

Nota sulle opinioni “a caldo”

Il condizionale che ho usato in alcuni punti è d’obbligo, perché abbiamo letto e studiato questo modulo, ma non lo abbiamo ancora giocato. Ci riserviamo di scrivere una vera e propria recensione chiaramente solo dopo averlo giocato, cosa che se tutto va come deve accadrà in tempi ragionevoli.

Se tutto andasse meglio di come deve… allora ci risentiremo molto presto. 😉

(immagini di Mattia Sarti prese dalla pagina facebook ufficiale del gioco, Link alla Pagina facebook )

Annunci

4 thoughts on “Le Cronache di Populon: “Il Gladio Spezzato”, presentazione

  1. Appena avrò la possibilità ti impresto Savage Worlds.
    A me sta piacendo molto il manuale di base ma sono intenzionato a comprare l’ambientazione west 😀

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...