D&D: le Classi Base

Introduzione

 

Abbiamo scelto di giocare di ruolo, e abbiamo scelto di giocare a D&D. Per questo esempio e per questo articolo usiamo come riferimento D&D 3.5, ma potrebbe andare bene qualsiasi sistema di gioco che preveda il concetto di “classe”.

 

manuale_giocatore_3.5Non è esatto dire che sia esattamente da qui che inizia il nostro percorso per la creazione del personaggio, ma quasi. La scelta della razza così la generazione delle statistiche sono molto importanti, ma è la classe che determina lo spazio che il nostro personaggio ha occupato nel mondo prima dell’inizio dell’avventura, e soprattutto quello che farà durante l’avventura stessa.

La presentazione delle classi nel manuale è buona, ma chiaramente piuttosto incentrata sulla parte “tecnica” della classe. Per ogni classe è infatti presentata una parte introduttiva di spiegazione/presentazione, l’insieme delle regole, e uno o più esempi di personaggi creati.

Lo spazio dedicato alle regole è abbondantemente superiore di quello dedicato al background o ad altre caratteristiche non tecniche del personaggio. Su questa linea, i numerosi personaggi d’esempio forniti sono presentati solo da un punto di vista di regolamento. Molto utile per comprendere il metodo di creazione, ma poco “vitale” nel senso completo del personaggio.

 

Specifichiamo una cosa molto importante: in D&D le regole servono.

dadi e manuali - D&D 3Non possiamo e non vogliamo prescindere da quello che ci viene presentato nelle regole del gioco che stiamo considerando. In questo articolo si parla di D&D 3.5, quindi chiaramente le regole sono quelle delle classi base del Manuale del Giocatore. Se parlassimo di un altro gioco prenderemmo come riferimento le regole di un altro gioco. Ma il fatto che il Manuale del Giocatore presenti una ricca parte di regole e una scarna parte di background è una cosa perfettamente sensata e corretta, riferita al gioco di cui stiamo parlando.

Questo articolo non vuole essere una critica all’impostazione del gioco di D&D 3.5 o di come il gioco stesso venga presentato nel suddetto manuale.

Questo articolo vuole essere uno spunto di riflessione su cosa siano e rappresentino le famose classi base, restando totalmente all’interno del gioco come ci viene presentato da un punto di vista di regole.

Infatti questo articolo non è e non vuole essere un invito a modificare arbitrariamente le regole di gioco.

Questo articolo vuole essere uno strumento per aggiungere qualcosa di più all’ossatura di base del gioco, che sono le regole, senza cambiarle.

Vi sono ottimi motivi sul perché ogni classe abbia le sue specifiche capacità e regole speciali, e il mio scopo non è quello di far cambiare le regole per adattarle a quello che voglio, ma esattamente il contrario!

Il mio scopo è arrivare a capire che mentre gioco le regole che uso, con la mia voglia di giocare e le mie idee, sono l’ossatura su cui si costruirà un personaggio completo e una magnifica partita.

 

Dopo aver creato un personaggio da un punto di vista di razza, classe, statistiche, abilità ed equipaggiamento, esso sarà teoricamente pronto. Ma oltre che una forte ossatura, a mio parere serve anche qualcos’altro. Sarete voi a decidere come vivrà il vostro personaggio, e non dovrete farvi limitare da idee altrui o meno che mai dallo stesso manuale per quanto riguarda la “vita” del vostro personaggio.

 

 (In questo articolo parlerò solo di Classi Base con riferimenti a D&D 3.5, Manuale del Giocatore. Ricordatevi di discutere sempre con il vostro Master e con gli altri giocatori di eventuali differenze di interpretazione od idee relative alle classi prima di iniziare una campagna, onde evitare spiacevoli fraintendimenti successivi)

 

 

Le Classi Base

 

karnikBarbaro

Un individuo più forte di altri, o forse più debole. Un individuo il cui tratto più dominante sono le emozioni, e tra queste soprattutto rabbia, ira e furia. Queste emozioni sono più che forti, sono travolgenti, e solo con grande difficoltà questi individui sono in grado di trattenerle o controllarle. Alcuni di loro usano la loro rabbia come un’arma, uno strumento, o comunque una parte di loro da sfruttare e utilizzare. Altri considerano questa emozione come una maledizione. Altri ancora non si pongono nemmeno il problema.

 

SulleyBardo

Un individuo con la musica nel cuore e nelle vene, che usa strumenti e arte per trasmettere quello che prova a coloro che possono osservarlo, ascoltarlo o essere da lui intrattenuti. Alcuni sono gioiosi e solari, altri più introversi e silenziosi, altri ancora sono rancorosi e vendicativi, e per ognuno di loro la loro arte sarà espressione di quello che loro stessi per primi provano. Espressione che, inevitabilmente, lascerà un segno su coloro che lo osservano o lo ascoltano.

 

HarujionChierico

Un individuo di fede, spesso alla ricerca di qualcosa. Per assurdo, alle volte sono alla ricerca di una Divinità in cui credere. È la fede che determina l’essenza di questi individui, non necessariamente una specifica divinità. Alcuni sono intermediari di una volontà divina, altri no. Ma in ogni caso questi individui si trovano molto spesso a dover restare in equilibrio tra scelte apparentemente contrastanti come amministrare sacramenti, combattere con le armi i propri nemici e curare i bisognosi.

 

Taran, meditareDruido

Un individuo che porta dentro di se più saggezza e profondità di quanto una persona comune possa fare. Nonostante la Natura sia una chiara e fondamentale componente di questa figura, talvolta questi individui sono più assimilabili a dei filosofi che non a custodi o guardiani dell’ordine naturale delle cose. Già solo la definizione di “ordine naturale delle cose” è molto più aperta di quanto appaia, e molto raramente essa rappresenta un vincolo, meno che mai un vincolo conservatore.

 

AlexGuerriero

Un individuo forte, un combattente dotato di quella rara profondità che solo chi ha stretto un profondo legame con la propria arma può riuscire a comprendere. Spesso viene in mente, pensando a questi individui, una persona affidabile, competente, esperta, o semplicemente molto talentuosa e portata per l’arte della guerra. Ma questo in realtà lo si può dire di quasi ogni combattente. Un Guerriero è molto di più di un combattente. Un Guerriero è Forza.

 

PersoLadro

Un individuo scaltro, a tratti sarcastico, ironico su se stesso e sugli altri, abile a destreggiarsi in quasi ogni situazione. Forse rapinatore, forse borseggiatore, forse imbroglione, forse assassino, forse seduttore, ma sicuramente qualcuno che sa usare il cervello, e non si ferma a farsi domane inutili. Né che sia generoso, né che sia spietato. Il suo punto di vista è sempre acuto come i suoi sensi, il suo pensiero sa essere delicato come le sue mani.

 

Teclis

Mago

Un individuo dedito allo studio dell’Arte Arcana. La Magia non è una dote e non si ottiene senza fatica, dedizione e molto lavoro. Un Mago è un individuo che studia e lavora costantemente per migliorare la sua comprensione del mondo, di se stesso e della sua arte. Spesso un sapiente, poco importa se sia borioso e saccente o umile e accondiscendente. Spesso questi individui affrontano la vita di tutti giorni nella stessa identica maniera con cui affrontano la propria Arte, ordinata o disordinata che sia.

 

monaco 2Monaco

Un individuo plasmato da anni di addestramento, pratiche ascetiche, rinunce e sacrifici. Ma tutto quello che ha lasciato indietro lo può riconquistare andando avanti per la sua strada, perché nulla di quello che ha lasciato in precedenza è in realtà da lui stato abbandonato. Tutto è rimasto come una sua parte, come ricordo, attesa, potenzialità. E giorno dopo giorno, anche grazie al suo stesso allenamento, è in grado di riavvicinarsi a ciò che ha lasciato da parte. Infatti, nonostante siano tutti individui molto disciplinati in dovere dei loro allenamenti, nessuno di loro ha dimenticato cosa significhi essere vivo.

 

Arthur

Paladino

Un individuo votato all’Ordine e al Bene. Non necessariamente questo significa essere legali o buoni. La strada del Paladino si intraprende volontariamente, ma sono poche le persone che riescono a seguirla realmente. Alcuni pensano che sia necessaria una chiamata, una vocazione o comunque un segno per intraprendere con successo questa strada… E forse c’è una mezza verità in tutto questo. Non è semplice per questi individui essere in pace con quello in cui credono e a continuare a camminare portando la luce senza che nessuno gli chieda di farlo.

 

NautoRanger

Un individuo abile nell’uso delle armi a distanza, specialmente nell’uso dell’arco. La sua natura è la Caccia, ma non per questo un Ranger esiste solo su quello. La sua essenza si rispecchia nella sua caccia, che sia lenta, rapida, regolare o scorretta, violenta o sofferente, ma comunque essa sia questo individuo andrà sempre avanti. Sono individui abili, pronti ad agire e a fare quello ciò che è necessario per raggiungere il loro scopo. Non si è come loro se non si ha abbastanza coraggio da ammettere che la propria Caccia possa essere sbagliata.

 

RosettaStregone

Un individuo che non ha alcun bisogno di studiare l’Arte Arcana, perché dotato dell’innata capacità di controllarla. I misteri dell’Arte per lui sono come un tiepido soffio di vento da muovere e indirizzare semplicemente con il gesto di una mano, con uno sguardo o un pensiero. A occhi superficiali appare semplice, forse solitario, perché è il cuore di questo individuo la sua caratteristica più peculiare. Infatti, tutto ciò che viene toccato da questi individui prenderà le luci e i colori del cuore dello stregone stesso.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...