D&D Random: Elfi Ranger, archi e gemme

“Ines, Ines, IIIIINEEEEEES!!!”

“Per l’amor del cielo caro, calmati, cosa succede?”

“Calmarmi?? Un altro RICCHISSIMO cliente è appena entrato, non posso calmarmi!! Fai SPARIRE tutte le birre e tutti i nostri prodotti a base di carne, questo è un ELFO VEGETARIANO o roba del genere.”

“Un elfo vegetariano?”

“Ma si qualcosa del genere, chissenefrega, non ho ascoltato, GUARDA mi ha pagato in gemme!! GEMME!! Liberiamo completamente la saletta privata da tutte le decorazioni da battaglia e riempiamola di stronzatine raffinate, questo tizio sicuramente approverà, è un Elfo e ‘sta gente vuole solamente robaccia sfriccicosa e sfrusfrusfru.”

“Ma tesoro!! Ma cosa dici? Quel nuovo cliente ha una pessima influenza su di te.”

“INES non toccarmi il SIGNOR NANO, che ormai sta diventando il mio migliore amico!! Ma la locanda prima di tutto. E per la locanda servono soldi. Ines, con tutte quelle gemme potremo allargare ancora la nostra attività, e finalmente prendere tutti gli aiuti che ci servono! Diventeremo una SIGNORA LOCANDA!”

“Beh, si, ma…”

“Bla bla bla, I “ma” vanno posticipati. Non è con i “ma” che pagheremo i fornitori. Quindi forza! Riempiamoci di roba FRUFRULLOSA!!”

 

[…]

 

Arco lungo del Custode

Questo arco lungo sembra costruito in un legno estremamente antico, liscio e leggero, a prima vista addirittura fragile.

Ad una prima osservazione quest’arma sembra e si comporta esattamente come un arco lungo pietoso +1.

Se viene utilizzato da una creatura di allineamento neutrale puro durante due battute di caccia (una di notte e una di giorno) dove la preda venga catturata ma rimessa subito dopo in libertà senza averle inflitto alcun danno letale, allora esso si sintonizza completamente con il suo proprietario e solo al suo proprietario fornirà un bonus divino di +5 alle seguenti abilità: Addestrare animali (car), Cavalcare (des), Conoscenze: natura (int), Sopravvivenza (sag). Inoltre solo il proprietario potrà anche usare l’incantesimo “Parlare con animali” come capacità magica 3 volte al giorno.

 

[…]

 

“Non si tratta di me, e non si è mai trattato di me, di te o di nessuno di noi.

Le persone più illuminate di quello che definite “mondo civilizzato” che sono riuscito a trovare erano arrivate a definire se stesse irrilevanti nei confronti della magnificenza della natura. Per quanto essi siano riusciti a percepire una frazione della verità, erano comunque incapaci di osservarla nella sua interezza. Non ne faccio loro una colpa, come potrei farlo? Sono sempre vissuti in luoghi come questo, da innumerevoli generazioni la forza della natura viene osservata nello stesso modo… Chi sono io, per cercare di cambiare questo vostro stile di vita?

Non ho intenzione di farlo.

Finché ho potuto, ho scelto di vivere in pace e rifuggendo ogni violenza. Le uniche creature che ho ucciso sono quelle che ho mangiato, le uniche creature da cui mi sono difeso sono quelle che hanno cercato di mangiarmi. Al di fuori di questa catena, non dovrebbe esistere alcuna forma di violenza. Non ha alcun senso che esista.

Non pretendo che gli altri mi capiscano, così come ai numerosi intrusi del Sacro Bosco che ho custodito per anni non ho mai negato nuove occasioni. Non ho mai ucciso nessuno di loro. Certo, dove le parole non si sono dimostrate sufficienti sono stato costretto ad intervenire, ma sempre senza esagerare.

E I fatti dimostrano che ho avuto ragione, perché la quasi totalità di quegli individui ha imparato la lezione e non è più tornata con atteggiamento ostile. Anzi, alcuni sono addirittura ritornati per cercare di capire. Per lottare contro I loro pregiudizi.

Alcuni ci sono riusciti, altri sono stati mangiati.

È normale.

Adesso sono in viaggio. Non comprendo nemmeno io del tutto perché mi sono messo in viaggio, ma so che devo farlo. Come molti animali ritornano alle terre natie passato il freddo inverno, perché io non dovrei fare lo stesso?”

 

[…]

 

D&D random elfo ranger arco

 

[…]

 

“… Quanto hai detto che ti ha pagato? Tesoro, ti prego, non piangere…”

“Non ce la faccio, Ines, non ce la faccio” *sniff* “Sono… Sono… SONO UN SACCO DI SOLDIIIIII”

“Su, su, ecco… Tieni un fazzoletto”

*sniff* “Grazie…” *pffft* “Ecco, ora va meglio. Grazie Ines.”

“Puoi farmi vedere cosa ti ha dato, adesso?”

“Ecco qui. Non so precisamente quanto valga tutta questa roba amore. Due opali verdi, un lapislazzulo, questi sono pezzi di giada, questa credo sia un’ametista, questo sembra quarzo giallo… Si chiama citrino? Non me lo ricordo. Ma sono tutte tagliate e lucide! Ci saranno almeno mille monete d’oro in gemme!!!”

“Mille… Mille monete d’oro?”

“TE LO AVEVO DETTO che la stanza frufrufrufru lo avrebbe conquistato!!”

“Ma tesoro!! Ancora dopo tutto questo non puoi trattarlo così male!!”

“Non lo sto trattando male!! La regola 10 dice che gli elfi devono essere più belli possibile, e la regola 17 che sono sminchi. Sminchio e bello, alias tutto vaporoso, svolazzante, barocco, insomma roba così. Lo dice il SIGNOR NANO, non puoi non crederci Ines!!! Questo tizio ne era palesemente una prova. Non hai sentito tutto il piagnisteo sulla sua grande missione di pace e non uccisione all’interno della foresta?”

“A me era sembrato che intendesse dire che-”

“Ti era SEMBRATO, appunto. Attenta a non cascare nei turpiloqui tipici degli elfi, ricordati la regola 2! parlano tantissimo e per se stessi!!”

“…”

“Cosa c’è?”

“Tesoro, tu hai un problema serio con gli elfi, lo sai?”

“Non è vero! Sono LORO che hanno un problema con il resto del mondo.”

“Tesoro, tu lavorerai su questo tuo problema. Posso passare oltre su tante cose, ma non su questo!”

“INES!! Non mi dirai che tu… che tu… tu stai… TU STAI DALLA PARTE DEGLI ELFI?”

“Non costringermi a dirtelo, tesoro.”

“Dirmi cosa?”

“Non farlo.”

“Cosa??”

“Bene… Te la sei cercata…”

“Non fare COSA? Ines cosa sta succedendo???”

“Io sto dalla parte… Dei clienti PAGANTI!”

Aaaaargh! Ines, come hai potu-”

“E questo elfo HA PAGATO PIU’ DEL NANO BARBARO!!!”

NOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOO!!!”

 

[…]

 

Dopo un breve ricovero e l’intervento di due chierici, il locandiere non poté che realizzare quanto sua moglie avesse ragione. O meglio, diciamo che iniziò ad accettarlo. Insomma, ci sta lavorando.

Magari prima o poi riuscirà a superarla del tutto, ma per adesso ha ripreso a lavorare.

 

Tutte le volte che entrate in una locanda, ricordatevi che dietro ogni grande locandiere c’è una locandiera ancora più grande di lui. E siate grati che abbia deciso di fare la locandiera invece dell’avventuriera come voi, o non ci sarebbero ancora così tanti tesori da andare a saccheggiare.

Annunci

Un pensiero su “D&D Random: Elfi Ranger, archi e gemme

  1. “Bravissimo!
    Lei signor Locandiere ha reso un Vero Elfo felice, e di conseguenza non si sorprenda che dopo il suo impeccabile servizio (offerto seguendo perfettamente le 21 regole dell’Elfo Medio) il suddetto Elfo l’abbia pagata cosí tanto!

    Lei è veramente un paragone di virtuositá e accoglienza, parola del Signor Nano!”

    – Signor Nano

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...