A proposito della Paura – II

“Gli alberi secolari, spaccati dai fulmini, apparivano mostruosamente enormi e contorti, e il resto della vegetazione era fitta e avvinghiata su se stessa in modo innaturale. Tutto intorno, crepacci e tumuli nel terreno lacerato dalle folgori e invaso dalle erbacce, disegnavano nell’ombra sembianze di serpenti e teschi umani ingranditi a proporzioni gigantesche.
Sul monte delle Tempeste, la paura era in agguato da più di un secolo.”

H. P. Lovecraft, “La Paura in agguato”

 

“Non devo avere paura. La paura uccide la mente. La paura è la piccola morte che porta con sé l’annullamento totale. Guarderò in faccia la mia paura. Permetterò che mi calpesti e mi attraversi. E quando sarà passata, aprirò il mio occhio interiore e ne scruterò il percorso. Là dove andrà la paura non ci sarà più nulla. Ci sarò soltanto io.”

Paul Atreides, “Dune”

 

“Nessuna passione deruba la mente di ogni suo potere di azione e ragionamento con maggior efficacia della paura.”

Edmund Burke, “Indagine Filosofica sull’Origine delle nostre Idee di Sublime e di Bello”

 

“Avete coraggio, fratelli? Siete decisi? Non già coraggio dinanzi a testimoni, ma coraggio di solitari, coraggio d’aquile che non è veduto da alcun Dio? Le anime fredde, i muli, i ciechi, gli ubriachi, non sono per me coraggiosi. Ha coraggio colui che conosce la paura, ma sa vincerla, colui che vede l’abisso, ma con fierezza. Colui che vede l’abisso, ma con occhi d’aquila, colui che s’aggrappa a l’abisso con l’artiglio d’aquila: questi ha coraggio.”

Friedrich Wilhelm Nietzsche, Così parlò Zarathustra

 

“La paura è la via per il Lato Oscuro. La paura conduce all’ira, l’ira all’odio; l’odio conduce alla sofferenza. Io sento in te molta paura…”

Maestro Yoda, Guerre Stellari

 

“Loro saranno i miei guerrieri migliori, questi uomini pronti ad abbandonarsi completamente a me. Li modellerò come argilla e li forgerò nella fornace della guerra. Avranno volontà di ferro e muscoli d’acciaio. Li vestirò di grandi armature e li armerò con i fucili più potenti. Contagio e malattia non li toccheranno, né l’infermità li tormenterà. Possederanno tattiche, strategie e macchine tali che nessun avversario potrà sconfiggerli in battaglia. Sono il mio baluardo contro il Terrore. Sono i Difensori dell’Umanità. Sono i miei Space Marine ed essi non conosceranno la paura.”

Attribuito all’Imperatore, Warhammer 40K

 

“Vile, veramente vile è solo chi ha paura dei suoi ricordi.”

Elias Canetti, “La Provincia dell’Uomo”

 

“Egor percorse un centinaio di metri, ma poi l’albergo smise di proteggerlo dal vento. Una corrente d’aria ghiacciata gli trafisse il viso e quasi soffocò l’invitante melodia. Il ragazzino cominciò a barcollare e si fermò. L’incanto era svanito, in compenso la sensazione di essere spiato da uno sguardo estraneo l’aggredì di nuovo, insieme alla paura. Si voltò: un altro filobus si avvicinava alla fermata. E alla luce dei fanali balenò ancora una volta la giacca di un vistoso colore arancione. L’uomo della scala mobile l’aveva seguito. Con gli occhi sempre socchiusi, ma insospettabilmente veloce e risoluto. Egor ricominciò a correre.”

Sergej Luk’janenko, I guardiani della notte

 

“Allor fu la paura un poco queta
che nel lago del cor m’era durata
la notte ch’i’ passai con tanta pièta.”

Dante Alighieri, Inferno I, 19-21

 

“Troppi pensieri. Stanno ancora pensando tutti. È umano avere paura, e questo significa che sono ancora umani. Questa è una cosa che nessun Marine può più capire.”

Signor Inquisitore Alexander Innocent Constantine,
in viaggio verso la biblioteca

 

 

[…]

 

 

ctan-necron

 

 

[…]

 

 

Vidia ha per qualche assurdo motivo iniziato a sparare come Pavel, che combattendo contro uno dei soldati necron più pericolosi ha perso una gamba. Kraal è rimasto immediatamente QUASI ferito a morte, ma ovviamente non è morto e ha passato tutta la missione da quasi-cadavere. Kim ha avuto un momento di crisi esistenziale a proposito delle macchine ma la ha superata. Almeno credo che sia stato quello, io risento ancora degli effetti mentali causati dalla vicinanza prolungata a Padre Sprenger e tendo a risolvere molto più spesso i problemi prendendo a pugni la gente. Soprattutto gli Astropati.

De Guille è l’unico sano al 100%.

E chi aveva dubbi a tal proposito.

-TinTin

 

 

[…]

 

 

Galaxy_map_segmentumsolarPuò qualcosa che viene definito come la più antica creatura esistente nella Galassia percepire emozioni di questo tipo? Può un essere che si suppone sia nato durante la creazione dello spazio stesso, formato dalle forze inimmaginabili scaturite da quella massa ribollente che era il nostro universo appena nato, percepire l’umanità come una minaccia?

Taluni si riferiscono a queste creature chiamandole “Dei Stellari”, altri come C’Tan, taluni non credono alla loro esistenza e altri ancora si fanno segreti portavoci di innominabili eresie loro riguardanti.

L’uomo non sa cosa passi nella mente di un essere così antico e alieno alla nostra comprensione, ma ormai i fili sono stati tirati, e nessuno di noi si tirerà indietro.

L’Imperatore ci protegge. E anche se in questo momento non è fisicamente con noi, anche il Signor Inquisitore.

Non esiste ritirata da nessuna battaglia. L’avversario affrontato non fa alcuna differenza, per chi siede dalla parte del giusto.

Possa l’Odio del Dio Imperatore dell’Umanità essere l’unica guida di cui le nostre armi e le nostre anime abbiano bisogno nel momento della battaglia.

 

Padre Sprenger

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...